Corsi di Arabo – adulti

Cinque buone ragioni per imparare l’Arabo

  1. Studiare arabo può fare paura, dovuto alle differenze che esistono con le lingue indoeuropee. Non vi è dubbio però che conoscere la lingua araba, da un punto di vista lavorativo, ti aiuterà a fare la differenza al momento di cercare lavoro.
  2. In particolare ti interessa se sei giornalista, diplomatico, se ti dedichi al commercio, industria, finanze, educazione, interpretariato, servizi segreti o lavori collegati con le compagnie aeree. Gli avvenimenti internazionali  accaduti nel mondo durante gli ultimi anni stuzzicano l’interesse di molta gente a saperne di più su questi paesi, la loro cultura, la loro storia e, di conseguenza,  imparare la loro lingua.
  3. Imparare arabo ha una forte relazione con l’importanza strategica che ha questa lingua. Le persone che la parlano riescono a ridurre la differenza culturale e linguistica che esiste tra nazioni molto distanti geograficamente. Quando si parla di paesi arabi bisogna tener presente che vi sono grandi differenze, culturali ma no verbali, da superare,e quindi parlare la stessa lingua semplifica le cose, specialmente nel mondo degli affari e per la soluzione di conflitti.
  4. Solo conoscendo il linguaggio puoi nutrirti di tutta l’essenza della cultura araba. Opere come “Le mille e una notte” o “Simbad il Marinaio”, danze proprie del Medio Oriente come il chikhat o il khaliji. Il godimento è maggiore se si conosce la lingua. Se decidi di imparare arabo , avrai alla tua portata un nuovo mondo: 2000 anni di ricchezza storica e culturale.
  5. L’arabo è la quinta lingua più parlata al mondo, con più di 280 milioni di parlanti. E`ufficiale in 23 paesi (oltre ad altre regioni africane ed asiatiche):  Arabia Saudita, Algeria, Bahrein, Ciad, Egitto, Emirati  Árabi Uniti, Isole Comore, Irak, Giordania, Kuwait, Libano, Libia, Mauritania, Marocco, Oman, Palestina, Qatar, Siria, Somalia, Sudan, Tunisia, Yemen e Gibuti. La maggior parte di loro si trovano ubicati in Medio Oriente, però ci sono  parlanti dell’arabo dispersi per tutto il mondo.